Battiporta testa di leone

Modellare un piccolo oggetto come questo può essere davvero una sfida. Fortunatamente adesso però esistono alcuni strumenti che lo rendono possibile con maggior facilità.

Mi riferisco ai software di sculpting, che sostanzialmente permettono di modificare la mesh 3d come se si trattasse di un oggetto di creta da scolpire. Per aggiungere dettagli fini all’oggetto è necessario suddividerlo in un numero via via sempre maggiore di poligoni, che possono diventare anche alcuni milioni a seconda del modello e a secondo della topologia dello stesso (non ho sbagliato termine: la topologia è la disposizione delle facce poligonali sulla mesh). Importare questa scultura in una scena già molto affollata può causare parecchi problemi, in particolar modo la lentezza e la difficoltà di navigazione nelle viewport, perciò bisogna ricorrere ad un semplice stratagemma: realizzare delle normal map e delle displacement map dal modello con il più alto numero di poligoni, da applicare poi allo stesso modello, ma con un numero considerevolmente minore di poligoni, in modo da poter “simulare” questi dettagli fini solo in fase di rendering. Con questo pratico trucco possiamo dunque continuare a lavorare agevolmente all’interno delle finestre di navigazione prevenendo crash improvvisi. Procurarci foto ben fatte o disegni da usare come riferimento prima di metterci al lavoro è sempre un’ottima prassi, tanto più indispensabile quanto più alta è la complessità dell’oggetto da realizzare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...