Pillola rossa

“È la tua ultima occasione, se rinunci non ne avrai altre. Pillola azzurra, fine della storia: domani ti sveglierai in camera tua, e crederai a quello che vorrai. Pillola rossa, resti nel paese delle meraviglie, e vedrai quant’è profonda la tana del bianconiglio” (Morpheus) [ Matrix 1999, Lana e Andy Wachowski ]

Progettare è un’arte molto complessa, che richiede preparazione, metodo e capacità di prevedere, per poterli così risolvere anticipatamente, una serie di problemi di cui ancora non si poteva essere a conoscenza prima di iniziare questo processo creativo. Per quanto riguarda, nello specifico, la progettazione di uno spazio commerciale, è di fondamentale importanza iniziare con un rilievo accurato, individuare le varie aree funzionali (vetrina, esposizione prodotti, zona professionale e servizi specifici per il tipo di attività), formulare una prima proposta di progetto e di immagine coordinata (abbinamento di materiali e schema colori) che siano realisticamente compatibili con il budget fissato per l’intervento. Terminata questa fase preliminare, nella quale si cerca sempre il dialogo e il coinvolgimento della committenza in modo da spiegare a fondo le scelte progettuali consigliate, si può procedere con l’ordine dei materiali e la produzione degli arredi, che avviene rigorosamente su misura come da progetto per garantire il massimo della qualità e della funzionalità. Successivamente rimane da organizzare il trasporto e il montaggio presso il punto vendita. Durante questo iter progettuale vengono via via coinvolti un numero crescente di professionisti, ciascuno con le proprie competenze, ed il loro coordinamento e la gestione dell’intera commessa richiede essa stessa molta attenzione in modo da assicurare un’esecuzione a regola d’arte e il rispetto dei tempi concordati. Passione, creatività, competenza, organizzazione, dedizione, spirito di sacrificio e professionalità sono la capacità fondamentali richieste se si intende portare a termine questo tipo di attività: lo affermo e lo ribadisco con convizione assoluta, rifiutando quella che, purtroppo, sembra essere l’ultima tendeza di mercato, ovvero la banalizzazione del design come mera vendita di prodotti, i quali, in virtù di misteriose proprietà ad essi intrinseche, dovrebbero da soli garantire il successo di un punto vendita. Capita, sfogliando le riviste di settore, di imbattersi in pubblicità in cui gli arredi vengono chiamati addirittura “induttori di vendita”, il che dovrebbe suggerire al potenziale cliente (il target) che basti il solo acquisto di questi “strumenti” unitamente ad un po’ di fantasia per arredare il proprio negozio in maniera oltretutto redditizia. I ragionamenti, del tutto opinabili, che sottendono queste campagne di markenting sono facilmente intuibili: data la situazione attuale di mercato, i clienti potrebbero avere una ridotta capacità di spesa, perciò eliminiamo dalla nostra offerta tutto ciò che riguarda i servizi (cioè quello che ho descritto all’inizio) sfruttando il fatto che possano essere percepiti erroneamente dai clienti come un costo aggiuntivo non necessario, e pubblicizziamo le proprietà miracolose dei nostri prodotti sperando che nessuno ne possa più fare a meno. Mi immagino un dialogo surreale tra una cliente e l’ufficio vendita della casa produttrice di induttori:

“Ho comprato un tot di “induttori di vendita” da voi, ora volevo chiedervi: secondo voi dove devo metterli?”

“Signora, li metta pure dove vuole: in vetrina, appesi al muro, in bagno, in garage o in cantina, va sempre bene, quelli funzionano sempre ed ovunque. Se va in ferie le consiglio di portarsene uno anche in spiaggia sotto l’ombrellone, vicino a lei: non bisogna perdere una buona occasione per fare affari!”

Io invece suggerirei alla signora di ingerire la pillola rossa della consapevolezza come ho fatto io ormai da molto tempo, senza alcun pentimento, e di rivolgersi poi a dei professionisti seri.

Progetto realizzato in collaborazione con e per Equipe S.r.l.

floor plan

prospects

writing desk

pic01

pic02

pic03

pic04

Annunci

2 pensieri su “Pillola rossa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...