Due opportunità

Sta arrivando l’estate. Mentre alcuni studenti stanno già pensando alle imminenti vacanze, altri devono invece, in un breve lasso di tempo, preparare l’esame di maturità oppure gli esami universitari. L’esito di queste prove determinerà non solo la qualità delle loro ferie, ma soprattutto l’avanzamento (o il mancato avanzamento) di un gradino sulla lunga scala della vita che porta al successo professionale e individuale. Memorizzare una gran quantità di dati, nomi, parole di uso poco comune, nuovi vocaboli, tempi verbali e sapere articolare su di essi una risposta di senso compiuto a una domanda specifica, non è per niente facile. Se a questo aggiungiamo alcuni aspetti psicologici, come la scarsa fiducia nelle proprie capacità, la pigrizia, la paura di non farcela e la mancanza di un metodo adeguato di apprendimento, centrare importanti obiettivi rischia di diventare un’esperienza estenuante nella migliore delle ipotesi; nella peggiore invece, il risultato negativo è causa di ulteriore frustrazione che può portare alla definitiva rinuncia a completare il percorso stabilito, con ripercussioni poi devastanti sull’autostima.

cervello-allenamento

La prima opportunità, adatta in primo luogo a studenti, a insegnanti ma anche ai pensionati che vogliono mantenere allenato il cervello, è il corso di Tecniche Mnemoniche promosso dall’associazione ComicArte Varese. Durerà una settimana con lezioni pomeridiane, da lunedì a venerdì. Vi rimando alla pagina dedicata sul sito di ComicArte Varese, per maggiori informazioni e per la raccolta delle adesioni. Il corso inizierà non appena si raggiungerà il numero minimo di partecipanti. Verrete prontamente avvisati tramite e-mail circa la data fissata per il suo inizio.

Le categorie sopra menzionate hanno diritto a uno sconto speciale, ma non sono le sole a trarre beneficio dal corso, che è adatto anche a chi, per motivi di lavoro, deve continuamente aggiornarsi, o imparare in fretta una nuova lingua in caso di ricollocamento all’estero. Anche i commercianti potrebbero migliorare la loro attività: sapere subito la disponibilità, la quantità e la posizione di un articolo in negozio, senza la perdita di tempo necessaria a consultare un database, può fare la differenza tra una vendita, con piena soddisfazione del cliente, e un mancato guadagno che per giunta lascia una cattiva impressione al cliente.

24 ore del fumetto

La seconda opportunità, promossa da ComicArte Varese in collaborazione con la Cooperativa sociale Totem che cura il Fondo Sclavi – una biblioteca da paura, è rivolta agli aspiranti fumettisti che saranno tenuti a dimostrare il loro talento avendo solo 24 ore a disposizione (da cui il titolo: 24 ore di fumetto al Fondo Sclavi). Il concorso è gratuito e aperto a tutti, dilettanti e professionisti, previa iscrizione che si effettua compilando l’apposito modulo a cui vi rimando e dove troverete anche il regolamento completo. Può essere davvero un’occasione irripetibile per mettersi in mostra, considerando la qualità dei fumettisti che giudicheranno i lavori dei partecipanti: Corrado Roi, Giuseppe Candita e Barbara Baraldi, professionisti difficilmente accessibili, tutti insieme, se non nel contesto di questa manifestazione, e pure singolarmente, durante le fiere di settore, data la quantità dei loro fan e di conseguenza il poco tempo che hanno a disposizione per accontentare tutte le loro richieste. Coraggio dunque, la vostra futura carriera da fumettista potrebbe iniziare da qui!

Altri aggiornamenti vari…

Finalmente è online il sito di CrazyComics. Troverete recensioni, news, eventi e presto anche l’onlineshop. Sul sito di ComicArte Varese, come al solito, tutte le novità circa i corsi e le iniziative dell’associazione: tra poco stabiliremo il calendario dei workshop estivi e i prossimi incontri con gli autori dei vostri fumetti preferiti.

A presto! 😀

Annunci

Corso di fumetto per bambini con Tommaso Bianchi

Martedì 15 marzo, dalle 16 alle 18, inizia il corso di fumetti per bambini (dagli 8 ai 12 anni) presso ComicArte Varese.

Qualche settimana fa, io e Lara Bartoli stavamo discutendo circa la possibilità di allargare l’offerta formativa dell’associazione. In questa fase di brainstorming si è fatta largo l’idea di proporre un corso introduttivo alla Nona Arte dedicato espressamente ai più piccini.

Ho subito pensato al mio amico fumettista Tommaso Bianchi: ricorderete che di lui ne avevo già parlato anche qui, in occasione della mostra itinerante dedicata alla presentazione della graphic novel Cronache del Seprio, realizzata su testi di Luigi Pellini e con la collaborazione di vari enti locali per la promozione del territorio e della sua cultura.

Perché proprio Tommaso? Perché, ignorando il fatto che ci conosciamo ormai da vent’anni, lo considero un fumettista concreto, che mette passione in quel che fa, che riesce a trasmettere questa passione e, non ultimo, che ha già dimostrato di avere il giusto approccio con i bambini proprio quando ha presentato Cronache del Seprio nelle scuole elementari.

presentazione Cronache del Seprio alle elementari
Tommy e i bambini delle elementari durante la presentazione di Cronache del Seprio
Tommy insieme ai bambini di un'altra scuola elementare
Tommy insieme ai bambini di un’altra scuola elementare

Sull’importanza delle attività creative per lo sviluppo dei bambini, credo che non se ne parli abbastanza. Forse la scuola tradizionale trascura l’aspetto formativo delle discipline artistiche, relegandole a poche ore alla settimana, preferendo un modello educativo più nozionistico. Personalmente sono d’accordo con quanto affermava Albert Einstein:

L’immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata a quello che conosciamo e capiamo ora, mentre l’immaginazione abbraccia il mondo intero, e tutto quello che ci sarà da sapere e da capire.

Siccome non sono un esperto di educazione infantile, ho informato Sylvia Baldessari, pedagogista che si occupa di educazione digitale, della nostra iniziativa e le ho chiesto un parere. Ecco le sue belle parole:

Pensare che l’atto creativo si esaurisca con il semplice disegno, seppur azione carica di significato e di rappresentazione simbolica del proprio interiore, è un errore.

L’arte è sempre un evento formativo ed educativo che, oltre a indagare la nostra relazione con il Mondo e con tutto ciò che lo forma, ci eleva da un piano individuale a quello comunitario-sociale (l’Io e l’Altro).

La creatività è la dimensione dove il bambino esplora e conosce maggiormente se stesso, entrando in dialogo non solo con ciò che lo circonda, ma anche con gli altri, comunicando una chiara volontà di voler e anche saper “trasformare” il proprio ambiente in qualcosa di nuovo e ben ricollocabile al suo interno. E in questo modo rivendicando, in maniera del tutto autentica e intenzionale, chi è e quali sono i suoi talenti, iniziando a intravvedere il proprio posto nella società.

Utile per uno sviluppo visivo, motorio e cognitivo, la creatività diviene occasione per intrecciare le proprie narrazioni, biografiche o immaginarie, al reale fluire degli eventi storici riuscendo ad attivare, anche nei più piccoli, meccanismi di comprensione della realtà, propria e altrui.

Nel caso dei fumetti, che vorrei ricordare come lettura di un certo spessore e rivolta a tutte le età, abbiamo la potenza delle immagini.

In una società dove l’immagine è l’elemento comunicativo più forte e durevole nel tempo, trasmettere ai più piccoli l’importanza di un suo uso consapevole (quando siamo noi a crearla e a proporla) e di una sua critica ricezione (opporre un pensiero critico a ciò che vediamo, andando oltre le apparenze) è un’attività molto importante, che ci permette di costruire esperienze e relazioni di senso.

Disegnare un fumetto significa poter mettere in campo creatività, conoscenza, relazione e consapevolezza, attraverso una modalità gratificante e stimolante da proporre già dai primi anni della scuola Primaria.

 

Qui sotto vi lascio il link all’evento Facebook nel quale potete trovare maggiori informazioni e prenotare il vostro posto per la prima lezione di prova gratuita:

segnalate, invitate e condividete con chi credete possa essere interessato a partecipare! 😀