Due opportunità

Sta arrivando l’estate. Mentre alcuni studenti stanno già pensando alle imminenti vacanze, altri devono invece, in un breve lasso di tempo, preparare l’esame di maturità oppure gli esami universitari. L’esito di queste prove determinerà non solo la qualità delle loro ferie, ma soprattutto l’avanzamento (o il mancato avanzamento) di un gradino sulla lunga scala della vita che porta al successo professionale e individuale. Memorizzare una gran quantità di dati, nomi, parole di uso poco comune, nuovi vocaboli, tempi verbali e sapere articolare su di essi una risposta di senso compiuto a una domanda specifica, non è per niente facile. Se a questo aggiungiamo alcuni aspetti psicologici, come la scarsa fiducia nelle proprie capacità, la pigrizia, la paura di non farcela e la mancanza di un metodo adeguato di apprendimento, centrare importanti obiettivi rischia di diventare un’esperienza estenuante nella migliore delle ipotesi; nella peggiore invece, il risultato negativo è causa di ulteriore frustrazione che può portare alla definitiva rinuncia a completare il percorso stabilito, con ripercussioni poi devastanti sull’autostima.

cervello-allenamento

La prima opportunità, adatta in primo luogo a studenti, a insegnanti ma anche ai pensionati che vogliono mantenere allenato il cervello, è il corso di Tecniche Mnemoniche promosso dall’associazione ComicArte Varese. Durerà una settimana con lezioni pomeridiane, da lunedì a venerdì. Vi rimando alla pagina dedicata sul sito di ComicArte Varese, per maggiori informazioni e per la raccolta delle adesioni. Il corso inizierà non appena si raggiungerà il numero minimo di partecipanti. Verrete prontamente avvisati tramite e-mail circa la data fissata per il suo inizio.

Le categorie sopra menzionate hanno diritto a uno sconto speciale, ma non sono le sole a trarre beneficio dal corso, che è adatto anche a chi, per motivi di lavoro, deve continuamente aggiornarsi, o imparare in fretta una nuova lingua in caso di ricollocamento all’estero. Anche i commercianti potrebbero migliorare la loro attività: sapere subito la disponibilità, la quantità e la posizione di un articolo in negozio, senza la perdita di tempo necessaria a consultare un database, può fare la differenza tra una vendita, con piena soddisfazione del cliente, e un mancato guadagno che per giunta lascia una cattiva impressione al cliente.

24 ore del fumetto

La seconda opportunità, promossa da ComicArte Varese in collaborazione con la Cooperativa sociale Totem che cura il Fondo Sclavi – una biblioteca da paura, è rivolta agli aspiranti fumettisti che saranno tenuti a dimostrare il loro talento avendo solo 24 ore a disposizione (da cui il titolo: 24 ore di fumetto al Fondo Sclavi). Il concorso è gratuito e aperto a tutti, dilettanti e professionisti, previa iscrizione che si effettua compilando l’apposito modulo a cui vi rimando e dove troverete anche il regolamento completo. Può essere davvero un’occasione irripetibile per mettersi in mostra, considerando la qualità dei fumettisti che giudicheranno i lavori dei partecipanti: Corrado Roi, Giuseppe Candita e Barbara Baraldi, professionisti difficilmente accessibili, tutti insieme, se non nel contesto di questa manifestazione, e pure singolarmente, durante le fiere di settore, data la quantità dei loro fan e di conseguenza il poco tempo che hanno a disposizione per accontentare tutte le loro richieste. Coraggio dunque, la vostra futura carriera da fumettista potrebbe iniziare da qui!

Altri aggiornamenti vari…

Finalmente è online il sito di CrazyComics. Troverete recensioni, news, eventi e presto anche l’onlineshop. Sul sito di ComicArte Varese, come al solito, tutte le novità circa i corsi e le iniziative dell’associazione: tra poco stabiliremo il calendario dei workshop estivi e i prossimi incontri con gli autori dei vostri fumetti preferiti.

A presto! 😀

Cartoomics 2016: un pagliaccio in mezzo a gente seria

E’ passata più di una settimana dalla kermesse milanese, tappa obbligata per ogni nerd che si rispetti residente nel centro nord della penisola. Ecco il mio resoconto: cosa ho fatto, chi ho visto, come e perché.

Joker

Siamo partiti da Varese distribuiti su auto diverse e a orari differenti, con l’intento di ricongiungerci proprio in fiera. Chi eravamo? I soliti amici del folle circo che ha sede al CrazyComics! Primo saluto obbligatorio a Cristina, che stava dando una mano alla sorella Monica, titolare di Shin Crazy Comics, al suo stand.

Poi le altre donne. Non le meravigliose cosplayer (qui qualche foto), sto parlando delle mie autrici preferite e di un’amica.

Barbara Baraldi

E’ autrice di romanzi e racconti. Qui trovate il suo sito ufficiale, qui invece il suo blog personale Scritture Barbariche.

Barbara è anche sceneggiatrice di fumetti: in fiera presentava il suo nuovo lavoro Torture Garden, per Edizioni Inkiostro. Poche pagine, per un inizio che lascia davvero il segno, o meglio… il punto di sutura. D’altronde lei è bravissima. La sua storia di Dylan Dog, La mano sbagliata, splendidamente disegnata da Nicola Mari, mi era davvero piaciuta molto e glielo dissi a suo tempo.

Si è dimostrata una persona simpatica e divertente anche dal vivo.

Paola Barbato

Con la mitica Paola Barbato! #cartoomics2016 #sergiobonellieditore #comicartevarese #crazycomicsvarese

A post shared by Simone Lucchina (@simonelucchina) on

Paola è scrittrice di romanzi, sceneggiatrice per il teatro, la televisione e il fumetto. Qui il suo sito. Esordisce su Dylan Dog e, da quel momento in poi, è sempre stata una degli autori di punta della testata, nonché la mia preferita. Con Paola potrei parlare per ore, sebbene non sappia quanto potrebbe gradire lei 😀

Ad ogni modo, in fiera era molto indaffarata perché presentava ufficialmente la sua nuova serie UT, disegnata da Corrado Roi. L’ho beccata in un raro momento tranquillo allo stand Bonelli. Solo quattro chiacchiere al volo: le ho fatto i complimenti per il suo Il Principe e il boia che ho letto recentemente, nonché per Ancora un lungo addio, che mi ha autografato.

L’albo in questione, che ho cercato invano in lungo e in largo per tutte le edicole di Varese, me lo aveva gentilmente portato Antonio Serra, direttamente dal suo ufficio. Ora porta entrambe le firme dei suoi autori: sono riuscito infatti ad intercettare anche il disegnatore Carmine Di Giandomenico allo stand Panini. Chissà se un giorno riusciremo a organizzare un incontro con lui nella saletta di ComicArte Varese! Sarebbe davvero bello, ma non succederà prima del 2017. Perché Carmine è impegnatissimo al momento. Incrociamo dunque le dita.

Lorenza di Sepio

Inizia la sua carriera come cartoonist su alcune serie animate e arriva al fumetto grazie alle strisce comiche Simple&Madama, pubblicate inizialmente sui social network e ora anche su volumi da Magic Press. Avete presente il concetto di viralità? No? Allora date un’occhiata ai numeri della sua pagina Facebook (qui).

Ilaria Mencarelli

Chi ha il coraggio di baciare il Joker? Ilaria!! 😀 #cartoomics2016 #crazypeople #joker

A post shared by Simone Lucchina (@simonelucchina) on

E’ redattrice e scrive su Bloggokin.it. Tiene anche un blog personale, Una buffa marchigiana a Milano, dove scrive principalmente di fumetti: lì troverete resoconti di conferenze, fiere, interviste e recensioni. E’ anche geologa, se non sbaglio, o lo sarà sicuramente a breve.

Cimeli, memomorabilia, nuove serie da leggere, amici e altro…

Il bottino lo vedete nella foto. Ci tengo a ringraziare Rossano Piccioni, Andrea Cavaletto Simone Delladio di Edizioni Inkiostro, nonché Emmanuele Baccinelli conosciuto proprio in fiera e autore dello sketch di Paranoid Boyd. Ah, su Lo Spazio Bianco (qui) trovate una sua bella e recente intervista.

Un saluto e un ringraziamento anche a Roberto Recchioni, Pietro Gandolfi e Nicola Genzianella.

Qui sotto invece una bella foto di Adriana Roveda, scattata durate la conferenza di presentazione di Torture Garden, che mi ha ispirato il titolo dell’articolo e che mi ritrae in mezzo ad autori e amici, gli stessi che spesso vengono ai nostri incontri.

Spero di rivederli tutti questo sabato, perché a partire dalle 15 sarà con noi Giovanni Freghieri, storico disegnatore di Martin Mystére e Dylan Dog. Qui il link all’evento Facebook per info e adesioni.

Ci vediamo sabato! 😀

 

 

Corso di fumetto per bambini con Tommaso Bianchi

Martedì 15 marzo, dalle 16 alle 18, inizia il corso di fumetti per bambini (dagli 8 ai 12 anni) presso ComicArte Varese.

Qualche settimana fa, io e Lara Bartoli stavamo discutendo circa la possibilità di allargare l’offerta formativa dell’associazione. In questa fase di brainstorming si è fatta largo l’idea di proporre un corso introduttivo alla Nona Arte dedicato espressamente ai più piccini.

Ho subito pensato al mio amico fumettista Tommaso Bianchi: ricorderete che di lui ne avevo già parlato anche qui, in occasione della mostra itinerante dedicata alla presentazione della graphic novel Cronache del Seprio, realizzata su testi di Luigi Pellini e con la collaborazione di vari enti locali per la promozione del territorio e della sua cultura.

Perché proprio Tommaso? Perché, ignorando il fatto che ci conosciamo ormai da vent’anni, lo considero un fumettista concreto, che mette passione in quel che fa, che riesce a trasmettere questa passione e, non ultimo, che ha già dimostrato di avere il giusto approccio con i bambini proprio quando ha presentato Cronache del Seprio nelle scuole elementari.

presentazione Cronache del Seprio alle elementari
Tommy e i bambini delle elementari durante la presentazione di Cronache del Seprio
Tommy insieme ai bambini di un'altra scuola elementare
Tommy insieme ai bambini di un’altra scuola elementare

Sull’importanza delle attività creative per lo sviluppo dei bambini, credo che non se ne parli abbastanza. Forse la scuola tradizionale trascura l’aspetto formativo delle discipline artistiche, relegandole a poche ore alla settimana, preferendo un modello educativo più nozionistico. Personalmente sono d’accordo con quanto affermava Albert Einstein:

L’immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata a quello che conosciamo e capiamo ora, mentre l’immaginazione abbraccia il mondo intero, e tutto quello che ci sarà da sapere e da capire.

Siccome non sono un esperto di educazione infantile, ho informato Sylvia Baldessari, pedagogista che si occupa di educazione digitale, della nostra iniziativa e le ho chiesto un parere. Ecco le sue belle parole:

Pensare che l’atto creativo si esaurisca con il semplice disegno, seppur azione carica di significato e di rappresentazione simbolica del proprio interiore, è un errore.

L’arte è sempre un evento formativo ed educativo che, oltre a indagare la nostra relazione con il Mondo e con tutto ciò che lo forma, ci eleva da un piano individuale a quello comunitario-sociale (l’Io e l’Altro).

La creatività è la dimensione dove il bambino esplora e conosce maggiormente se stesso, entrando in dialogo non solo con ciò che lo circonda, ma anche con gli altri, comunicando una chiara volontà di voler e anche saper “trasformare” il proprio ambiente in qualcosa di nuovo e ben ricollocabile al suo interno. E in questo modo rivendicando, in maniera del tutto autentica e intenzionale, chi è e quali sono i suoi talenti, iniziando a intravvedere il proprio posto nella società.

Utile per uno sviluppo visivo, motorio e cognitivo, la creatività diviene occasione per intrecciare le proprie narrazioni, biografiche o immaginarie, al reale fluire degli eventi storici riuscendo ad attivare, anche nei più piccoli, meccanismi di comprensione della realtà, propria e altrui.

Nel caso dei fumetti, che vorrei ricordare come lettura di un certo spessore e rivolta a tutte le età, abbiamo la potenza delle immagini.

In una società dove l’immagine è l’elemento comunicativo più forte e durevole nel tempo, trasmettere ai più piccoli l’importanza di un suo uso consapevole (quando siamo noi a crearla e a proporla) e di una sua critica ricezione (opporre un pensiero critico a ciò che vediamo, andando oltre le apparenze) è un’attività molto importante, che ci permette di costruire esperienze e relazioni di senso.

Disegnare un fumetto significa poter mettere in campo creatività, conoscenza, relazione e consapevolezza, attraverso una modalità gratificante e stimolante da proporre già dai primi anni della scuola Primaria.

 

Qui sotto vi lascio il link all’evento Facebook nel quale potete trovare maggiori informazioni e prenotare il vostro posto per la prima lezione di prova gratuita:

segnalate, invitate e condividete con chi credete possa essere interessato a partecipare! 😀

Social Crime Story

Ovvero come grazie a Facebook abbiamo sventato il furto di Rubber

Rufy

Rubber (oppure Rufy) è il protagonista della fortunata serie manga One Piece di Eiichirō Oda. E’ quel tizio con il cappello di paglia che vedete nella foto.

Anzi, quello che vedete nella foto è una riproduzione in balsa che un cliente affezionato di Crazy Comics ha regalato a Cristina, la titolare del negozio.

Di solito lo mettiamo fuori dalla porta, perché svolge benissimo alcune funzioni:

  • vi avvisa quando il negozio è aperto
  • vi da il benvenuto
  • vi indica dov’è l’entrata

Come vedete lo stronzetto è molto efficiente e praticamente insostituibile. Oltretutto, da buon ruffiano qual è, spesso si mette in posa per le selfie dei clienti più giovani.

Per quanto capiti davvero raramente, ogni tanto il negozio chiude e appiccichiamo alla porta la famosa scritta torniamo subito, oppure, come è successo l’altro ieri, simpatiche varianti tipo questa:

Riapriamo alle 17:00. Scusate per il #disagio

Peccato che ci siamo dimenticati Rubber fuori dalla porta, e qualche simpatico furbasto ha pensato bene di farci lo scherzone portandocelo via. Ecco, ora immaginatevi il nostro stato d’animo: noi Rubber lo prendiamo in giro, ma lo amiamo! Abbiamo scelto di comunicare il nostro dispiacere sulla pagina Facebook di Crazy Comics usando l’ironia:

Come potete facilmente constatare leggendo i commenti, i follower si sono uniti a noi nel dolore per questa perdita. Poi, il giorno seguente, la sorpresa: una cliente ci manda un messaggio privato via Facebook avvisandoci di aver visto una ragazza, appoggiata ad un cornicione, con in mano il nostro Rubber. Ecco, è lei:

La ragazza in questione era del tutto ignara della vicenda, semplicemente l’aveva trovato abbandonato in un giardinetto lì vicino e se ne è subito innamorata alla follia. Ce l’ha comunque prontamente restituito. Dunque tutto è bene quel che finisce bene e noi possiamo rimettere Rubber in posizione!

Prima di lasciarvi vi ricordo due appuntamenti imperdibili questo Week-end:

Sabato, a partire dalle 15:00, appuntamento con Lola Airaghi e Claudio Chiaverotti. Presenteranno il loro Morgan Lost. Per i partecipanti sarà a disposizione una bellissima litografia numerata e limitata su disegno di Lola (qui il link all’evento).

Domenica invece abbiamo organizzato una festa di San Valentino davvero trasgressiva e alternativa: appuntamento dalle 15:00 con l’irriverente e imprevedibile Immanuel Casto! (qui il link all’evento).

vetrina crazy

… e se non doveste trovate l’ingresso della fumetteria, cercate Rubber! 😀

Yo, ci sentiamo presto!

 

 

E il blog?

Sono un paio di mesi che latito da queste parti. Ecco, a beneficio di chi non mi segue sui social o non mi conosce di persona, quello che ho combinato in questo periodo.

cosplayer in via carrobbio

Lucca Comics & Games 2015

Come tutti gli anni sono stato alla fiera più importante d’Europa per quanto riguarda fumetti, live games e giochi da tavolo. Ma questa volta non da semplice fan: insieme a Lara Bartoli, Presidente dell’associazione ComicArte Varese, dovevo andare a conoscere gli autori che vorremmo ospitare da noi prossimamente e presentare l’associazione lasciando una buona impressione. Abbiamo portato con noi, in pullman, una cinquantina di associati: alcuni sono studenti dei corsi di ComicArte, altri semplici appassionati che non volevano lasciarsi scappare l’occasione di visitare questa città incantata approfittando del viaggio organizzato.

Appena arrivato, mi sono diretto allo stand di Nicola Pesce Editore per salutare l’amico Pierz: ho così potuto svuotare lo zaino, consegnando un piccolo omaggio birraio da parte dei miei amici del birrificio 50 & 50.

Per il resto, aggiungo che è tutto filato liscio, nonostante fossi tremendamente in ansia, ricordando il sovraffollamento dell’anno precedente. Questa volta bisogna proprio fare i complimenti agli organizzatori e a tutto lo staff presente in fiera.

Trovate un resoconto fotografico su due album che ho caricato sulla pagina Facebook di ComicArte: autori, amici, fumetti e i cosplayer!

Gotham City vs Garden City

In occasione dell’uscita in tutte le edicole di Italia del numero di Julia Lost in Web, disegnato da Giuseppe Candita, fumettista professionista, nonché docente del corso di Fumetto di ComicArte Varese e amico, abbiamo organizzato una conferenza di presentazione con incontro con l’autore. In esclusiva per l’evento, i partecipanti hanno potuto ritirare una litografia limitata e numerata, realizzata dallo stesso Candita, che ritrae le Gotham Sirens: Harley Quinn, Catwoman e Poison Ivy.

Approfittando della presenza di numerosi cosplayer dei personaggi che popolano i fumetti ambientati a Gotham City, abbiamo deciso di spostarci tutti insieme per le strade di Varese, iniziando così la Nerd Revolution. Il resoconto fotografico lo trovate qui.

Workshop fumetti su porcellana e fiere del fumetto

Con la collaborazione di Microtorrefazione, degli amici Lorenzo Bottoni e Alessandra Litta Modignani, si è tenuto un divertente workshop di pittura su tazzine tramite pennarelli speciali. E’ stata anche una buona occasione per sorseggiare dell’ottimo caffè artigianale offerto da Microtorrefazione.

La creatività dei partecipanti si è concretizzata in alcune divertenti decorazioni che trovate immortalate in questo album fotografico pubblicato sulla pagina Facebook di Microtorrefazione.

L’allegro circo itinerante di Crazy Comics e ComicArte Varese, con la benedizione di Cristina Piazza, titolare di Crazy Comics, si è spostato dalla sede centrale di via Carrobbio 15, in occasione della fiera del fumetto e del disco, all’Ata Hotel, prima, e al centro commerciale Campo dei Fiori di Gavirate, poi.

Il Joker (io) e il Pinguino (il mio socio Matteo) vi davano il benvenuto con il loro sorriso e vi consigliavano alcune buone letture. La cosa non è passata inosservata ai magazine e ai giornali locali.

We all love Cannibals!

Un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del fumetto horror e splatter è stato l’incontro con tre autori in forza presso Edizioni Inkiostro: gli amici Andrea Cavaletto, Renato Riccio e Simone Delladio. Anche in quest’occasione, i partecipanti potevano ritirare una litografia a quattro mani di Riccio e Delladio realizzata apposta per l’evento. La lito rappresenta un ipotetico incontro tra Alfredo Petronio, protagonista di The Cannibal Family, e William Boyd di Paranoid Boyd.

Volete leggere un bel resoconto fotografico? Vi rimando all’articolo che ha scritto la brava e determinata Antonella Di Muro: fotografa, litografa, visual artist e aspirante fumettista. Le sto dando una mano ad organizzare le idee sul suo blog.

Star Wars party

In occasione dell’uscita del settimo capitolo della saga spaziale creata da George Lucas, abbiamo organizzato un party ricco di appuntamenti, iniziato con la conferenza sulla fantascienza tenuta dal grande Antonio Serra, co-creatore e sceneggiatore di Nathan Never, nonché fan di Star Wars (qui trovate i primi venti minuti di conferenza).

Anche questa volta Varese è stata invasa dai cosplayer di Star Wars: partenza da via Carrobbio, destinazione cinema Miv passando per piazza Montegrappa.

Durante l’evento si è svolta la prima raccolta fondi dell’associazione ComicArte Varese utile a finanziare l’acquisto di materiale didattico e a promuovere la Nona Arte. In cambio di un contributo, si poteva recuperare un book contenenti le litografie a tema Star Wars realizzate da nove artisti che sono stati ospiti durante un anno e mezzo di attività dell’associazione. A loro va tutto il nostro ringraziamento. Disponibili anche magliette, shopping bag e felpe dell’associazione, con il messaggio sociale Nerd is the New Sexy. Abbiamo realizzato un simpatica, e finta, televendita, liberamente ispirata all’Arte di tele-vendere di Giorgio Mastrota 😀

E il 2016? Sarà più Crazy, più Nerd e più Sexy

Ogni giorno sulla pagina Facebook di Crazy Comics trovate nuovi arrivi e letture consigliate: vi invito, nel caso in cui non l’aveste ancora fatto, a cliccare mi piace e a spuntare le notifiche se non volete perdervi gli aggiornamenti.

Tenete sempre d’occhio il sito di ComicArte Varese, che prossimamente subirà un leggero restyling, e iscrivetevi alla newsletter: il calendario sarà ricco di nuovi corsi, workshop, eventi e incontri con gli autori.

Quando passate a trovarci, tenete sempre a portata di mano lo smarphone. Caricate foto e video sul vostro profilo Instagram utilizzando gli hashtag ufficiali di Crazy Comics e ComicArte Varese, potrete così scorrerli all’interno della tab Instagram (tastone blu) presente sulle pagine Facebook di Crazy Comics e ComicArte Varese: da noi non mancano mai i cosplayer dei vostri personaggi preferiti…

… i vip e…

… l’onnipresente confused Vince Vega, come dimostra il video qui sotto 😀

Auguro a tutti un felice anno nuovo, ci leggiamo (forse) presto!!! 😀